Come prepararsi a un colloquio di lavoro per fare una buona impressione?

Hai ricevuto un invito a un colloquio di lavoro? Congratulazioni! Ciò significa che il tuo potenziale datore di lavoro ha apprezzato il tuo CV e la lettera di presentazione e ora tutto dipende da come andrà il colloquio. Si tratta di un elemento fondamentale dell’intero processo di selezione. Cerca quindi di fare bella figura in questo incontro, perché dipende solo da questo colloquio se la tua candidatura convincerà il reclutatore, e in questo modo avrai la possibilità di ricevere un’offerta di lavoro per la posizione per cui ti candidi.

Un colloquio di lavoro è un momento solitamente accompagnato da una buona dose di stress, soprattutto se sei all’inizio della tua carriera o quando ti accingi a fare un colloquio per la prima volta dopo molto tempo. Per questo abbiamo deciso di scrivere questa breve guida. Abbiamo incluso una raccolta di informazioni utili che ti aiuteranno a prepararti per un colloquio di lavoro e a fare una buona impressione sul tuo futuro datore di lavoro. Scopri quindi:

 

  • in che cosa consiste un colloquio di lavoro;

  • quali domande i datori di lavoro pongono più spesso durante un colloquio di lavoro;

  • come prepararsi a un colloquio di lavoro;

  • quali errori è meglio non commettere durante un colloquio di lavoro;

  • come prepararsi a un colloquio di lavoro per un call center.

 

In che cosa consiste un colloquio di lavoro?

 

Il colloquio di lavoro rappresenta lo strumento più importante nel processo di assunzione e il suo scopo è stabilire un contatto diretto con il candidato. Serve per ottenere informazioni sul candidato, verificarne l’esperienza professionale, i tratti caratteriali e la motivazione. A sua volta, per un candidato, un colloquio di lavoro è un’ottima opportunità per conoscere meglio l’azienda e i potenziali superiori, nonché per scoprire i dettagli sulla posizione per la quale si candida.

 

L’enorme vantaggio per te come candidato è che i datori di lavoro non hanno tempo per preparare serie uniche di domande per ogni singolo candidato. Solitamente utilizzano quindi scenari già pronti adattati a specifiche posizioni lavorative. È appunto per questo motivo che esiste un corpus di domande specifiche che vengono poste assolutamente sempre durante la selezione, quando i datori di lavoro vogliono incontrare un potenziale dipendente. Prendine conoscenza in anticipo e vedrai che prepararsi per un colloquio di lavoro non è necessariamente così stressante come probabilmente sospetti in questo momento.

 

 

Colloquio di lavoro – domande frequenti ed esempi di risposte pronte

 

Come rispondere alle domande durante un colloquio di lavoro? Innanzitutto (anche se purtroppo non è per tutti ovvio): dicendo la verità! Le bugie vengono smascherate velocemente e ridurranno a zero le tue chance di ottenere il lavoro dei tuoi sogni.

 

Anche il linguaggio del corpo è un elemento molto importante, perché mostra chi sei. Quindi cerca di essere il più disinvolto possibile, ma evita di gesticolare troppo, perché verrebbe interpretato come un segnale di stress e del fatto che fatichi a tenerlo sotto controllo. Fai anche attenzione al contatto visivo con il tuo interlocutore. Possiamo non rendercene conto, ma si tratta di un aspetto molto importante. Per ottenere esito positivo, non fissare il muro o il pavimento, ma mantieni il contatto visivo con la persona con cui stai parlando.

 

Scopri le domande che i datori di lavoro pongono praticamente ad ogni colloquio di lavoro e i suggerimenti su come rispondere per sopravanzare le altre persone che si candidano per la tua stessa posizione.

 

  • Perché hai intenzione di cambiare lavoro?
    Quando rispondi a questa domanda, concentrati sulla voglia di crescere e prendere maggiore iniziativa o di cimentarti in un nuovo settore – e non, ad esempio, sui litigi con i colleghi. Mostra tatto e professionalità, di conseguenza evita di criticare la tua ex azienda, il capo o i colleghi.

     

  • Perché vuoi lavorare nella nostra azienda?
    Questa domanda viene posta spesso nei colloqui di lavoro. Come preparare la risposta? Prima del colloquio, leggi le informazioni sull’azienda e una descrizione dettagliata della posizione per cui ti candidi. La cosa migliore è ricavarne elementi che si legano alle tue passioni, abilità o competenze e presentarli come i tuoi punti di forza. Un semplice esempio: se facendo domanda per una posizione di consulente in un’azienda che vende auto e sei un appassionato di motori – rivelalo dicendo che i motori sono la tua più grande passione e per questo che sei la persona giusta per il ruolo in questione.

     

  • Che cosa ti distingue dagli altri candidati?
    Rispondendo a questa domanda, mostra di essere consapevole del tuo valore come futuro dipendente. Verifica in anticipo con esattezza quali sono le peculiarità del lavoro nella posizione specifica, e durante il colloquio elenca le tue qualità, capacità e risultati professionali che meglio corrispondono ai requisiti dell’annuncio. Descrivi i successi che hai ottenuto nella tua azienda precedente: quanti nuovi clienti hai acquisito, quanto è aumentato il profitto, quali campagne hai realizzato o quali risparmi o miglioramenti al sistema di lavoro hai garantito all’azienda.

     

  • Cosa ti motiva? Che lavoro sogni?
    Diciamolo senza giri di parole: l’assunzione di un nuovo dipendente deve ripagare l’azienda. Ecco perché è così importante per i reclutatori che il futuro dipendente mostri un forte desiderio di crescita professionale. Manifesta questa voglia durante il colloquio. Dì che svolgi sempre i tuoi compiti con entusiasmo e le sfide ambiziose non ti spaventano, anzi ti motivano ad ampliare le tue competenze professionali.

 

Come prepararsi a un colloquio di lavoro?

 

Una volta che hai pronte le tue risposte alle tipiche domande di reclutamento, scopri come prepararti a un colloquio di lavoro seguendo questi 3 importanti passaggi.

 

  • Controlla la tua immagine su Internet.
    Negli ultimi tempi i reclutatori controllano i profili dei potenziali dipendenti su vari portali. Quindi pensa se non è il caso cambiare le impostazioni del tuo account Facebook, Instagram (e altri). Se l’accesso alle notizie del profilo è pubblico, vale la pena di cambiarlo in privato. Perché? Una foto di una pazza festa di un sabato notte alterato pubblicata su un sito di social network o una pagina che segui che può discreditarti – è difficile che ti aiutino a ottenere un’offerta di lavoro! È meglio tutelare la propria privacy.

     

  • Prepara le tue domande!
    Un colloquio di lavoro è anche il momento per te per porre delle domande. Domande preparate nel modo giusto metteranno la tua candidatura in buona luce. Dimostrerai di essere coinvolto e di prendere sul serio la questione. Cosa puoi chiedere? Per esempio: dell’ambito specifico dei compiti in una data posizione, quante persone lavorano nella sezione, quali sono i modi per misurare gli effetti del lavoro e chi sarà il tuo superiore. Puoi anche chiedere quali sono le fasi successive del reclutamento e quando puoi attenderti una decisione. Annota le tue domande su un foglio di carta e portale con te nel caso ti dimenticassi di qualche questione.

     

  • Prepara una risposta alla domanda relativa allo stipendio.
    Di solito il tema del denaro è molto scomodo per le persone, ma durante il colloquio è impossibile evitare di negoziare la propria retribuzione. Come affrontare questo argomento? Controlla i rapporti sugli stipendi correnti su Internet e determina quanto puoi guadagnare in una determinata posizione. Tieni anche in considerazione le tue competenze. Se ritieni che nell’azienda in questione puoi imparare molto, vale la pena accettare un compenso inferiore, e se ti dimostrerai capace riceverai sicuramente un aumento.

 

Colloquio di lavoro – non commettere questi 4 errori!

 

  • Non fare tardi.
    Se vuoi essere assunto nell’azienda, cura la puntualità. Se arrivi in ritardo senza avvisare e avere una giustificazione per la situazione, ci sono poche possibilità che il datore di lavoro consideri favorevolmente la tua candidatura, e il reclutamento per te è da considerarsi concluso.

     

  • Non presentarti al colloquio in abiti informali.
    Più della metà dei principali di azienda ammette che l’abbigliamento è un elemento importante dell’incontro. Dovresti quindi rinunciare a uno stile da festa o sportivo e vestirti in modo appropriato per la situazione. Punta su unno stile smart casual.

     

  • Non imbrogliare.
    I reclutatori sanno molto bene come porre domande durante un colloquio per stabilire la veridicità delle informazioni ricevute. Quindi ricordati di non mentire durante un colloquio di lavoro. Le imperfezioni nella tua domanda di candidatura non ti escludono dalla selezione, mentre una bugia senz’altro sì.

     

  • Non fare domande inappropriate.
    Ricordati durante il colloquio di lavoro di non fare domande che ti pongono nella posizione di un dipendente a tutti gli effetti - non sei ancora stato assunto. In linea con questa regola, lascia da parte per un secondo momento argomenti come: aumento di stipendio, ferie di 2 settimane o congedo anticipato.

 

Colloquio di lavoro per un call center – come prepararsi?

 

Se ti stai candidando per un lavoro in un call center e hai ricevuto un invito a un colloquio, arriva preparato! Pensa a come si presenta il lavorare in un call center e cosa richiede un’azienda di telemarketing dai suoi dipendenti.

 

Come prepararsi se fai domanda per un lavoro in un call center?

 

  • Determina qual è la tua disponibilità.
    Il grande vantaggio del lavoro in un call center è che l’orario è generalmente flessibile. Trarrai sicuramente profitto dal colloquio se sai in anticipo esattamente quali ore ti vanno bene e quanto tempo puoi (o vuoi) dedicare al lavoro.

     

  • Pensa al tipo di lavoro che fa per te.
    Pensa che tipo di chiamate preferiresti gestire – in uscita o in arrivo? Preferisci aiutare chi chiama a risolvere problemi o forse diventare un venditore? Sapendo subito cosa vuoi, sono punti a tuo favore.

     

  • Esercitati nell’esposizione e nella dizione.
    È evidente che la maggior parte del tempo nei call center la si passa a parlare. Un consulente telefonico non dovrebbe avere udibili difetti nel parlato. Dovrebbe invece avere una buona dizione e una voce piacevole. Questo lo si può allenare!

     

  • Mostra le qualità del miglior consulente telefonico: capacità di comunicazione, creatività, coinvolgimento.
    Il consulente deve essere in grado di ascoltare attentamente l’interlocutore e trattare ogni individuo individualmente per aiutare il cliente a scegliere un prodotto o servizio che soddisfi le sue esigenze. Come esercizio, immagina un cliente molto scontroso (o chiedi a qualcuno che conosci di fare questo ruolo) e cerca di persuaderlo ad acquistare un servizio o un prodotto. È molto probabile che ti venga chiesto di improvvisare una scena del genere in un incontro con il reclutatore. È importante mostrare le proprie capacità di negoziazione, velocità di reazione e, soprattutto, straordinaria inventiva!

​​​​​​​

Ora sai come prepararti a un colloquio di lavoro e quali cose evitare per aumentare le tue possibilità di ottenere un’offerta. Perciò... in bocca al lupo per il tuo colloquio di lavoro!